jueves, 11 de agosto de 2011

MILANO STAZIONE CENTRALE


La Stazione Centrale di Milano, é una delle stazioni ferroviarie piú importanti, oserei dire, d' Europa. Milano é una città dove la gente si richiude nella propria vita quotidiana, una vita fatta di soprusi, di sofferenze, di lacrime trattenute in gola dovute a torti subiti in silenzio, di cose taciute e mai dette, come se fosse una delle città piú allegre e vitali del mondo.
Milano é una strada piena zeppa di gente che entra ed esce dai negozi piú lussuosi con le mani occupate di borse e borsoni riempiti di vestiti "alla moda". Una parte del mondo lotta contra la fame, mentre a Milano molte donne lottano contra la malattia della denutrizione volontaria, una contraddizione chiusa nel ventre di una società dove la politica soffre di mancanza di estrema serietà e rigore professionale.
Milano é una città dove i turisti camminano come tutti i turisti, sempre pronti a scattare con la  propria macchinetta fotografica, mangiano qualcosa "al volo" perchè é una città cara ed i turisti vogliono fotografare per poi avere un ricordo o perchè altrimenti non sarebbero turisti. Di solito, non si perdono il Duomo di Milano, la Cattedrale gotica che ammirano cristiani ed agnostici, sicuramente per motivazioni diverse. A Milano fanno la pizza come nel resto d'Italia, il caffé é ottimo ed i gelati di pistacchio sono leccati dai bambini piú incuriositi dai colori piú stridenti, però la fretta di vivere, di fare, di stare, di comprare, di lavorare, coinvolgono tutti, dai piú giovani ai piú anziani.
Milano é una città dove non mancano le comodità però non per tutti, l'altra faccia di questa città ci squarcia con delle immagini di "senza tetto" che convivono con la ferocia di chi pensa solo alla sopravvivenza, appesa a un filo giorno dopo giorno...

No hay comentarios: