viernes, 1 de mayo de 2015

SERENA GIORNATA


Oggi é stata una bella giornata per me, di quelle da segnare con un cuore sul calendario, perché ho trovato pace in me stessa, al meno per 24 ore...forse voi non capite ma per me é tutto un successone. 
Mentre ascolto una canzone di Mike Olfield del cd Tubular Bells III, chiudendo gli occhi mi vengono in mente ricordi di un periodo della mia vita in cui il vuoto esistenziale tamburellava sulla mia anima come la pioggia sui vetri, un vuoto che non é rimasto con le mani in mano, ma che col passare degli anni si é fiondato proprio dentro di me, come una fitta sul petto, lacerandomi ogni emozione.
Il vuoto esistenziale se non l'avete mai patito, sarebbe come quando le persone si portano dietro una storia triste, e allora non si riesce a vedere bene, e cosí succede anche con l'esistenza, il vuoto fa che la ragazzina onesta, dolce, fragile, genuina, sia al tempo collerica e imprevedibile come un vulcano. Se fosse stata farcita di un attacco sicuro ai propri genitori nei primi anni di vita, il vuoto si sarebbe dipanato come le reti imbrogliate di un pescatore.